top banner

Uff..finisce anche questo


Purtroppo come ve ne sarete resi conto l'estate sta finendo e ci avviciniamo verso il prossimo anno scolastico, per me e per i miei compagni di classe sarà un'estate finita come le altre, per altre persone come mia sorella ed i suoi questa forse sarà l'ultima estate perchè il prossimo anno dopo la maturità dovrà iniziare i TEST di ingresso. Intanto tutti si apprestano a copiare le ultime cose, che non hanno fatto o copiato, magari qualcuno ti cerca su msn pensando che gli passi tutto dopo che non ti ha chiamato per un estate intera. Penso a quando dopodomani m toccherà alzarmi alle 7, prepararmi mangiare un boccone per poi uscire ed essere in pz.Oberdan a fare PR(Pubbliche Relazioni) fino all'arrivo del bus che mi porterà a scuola dopo 3 mesi di spensieratezza lì reincontrerò i miei compagni, chi ho visto quasi ogni giorno o poco via durante tutto l'estate e vedrò sempre eguale solo ci sentiremo più uniti per scagliarci nella perenne lotta contro i prof ed i diritti degli studenti. Vedrò anche chi non ho visto per 3 mesi e vedrò cambiato in meglio o in peggio. Poi reincontreremo i prof ed inizierò la prima ora con Matematica, lì penso proprio che inizieremo fin da subito a fare qualcosa di nuovo. Dopo ci darà il riposo in cui reincontrerò quelli che freqentano le parallele. Intanto che aspetto quel triste giorno mi rallegro ascoltando le canzoni dell'unico CD che avevamo portato in grecia e che era diventato quasi fastidioso, ma che è bellissimo, pensando a quando leggevo Ivanhoe dicendo: con calma... ho ancora quasi 3 mesi... non ho nulla da fare... ke bello... - e l'unica occupazione era andare in WindSurf e sostenere i due esami per il "patentino" di WindSurf così da poterlo affitare liberamente. Poi dopo venti giorni che sono stato via quando sono tornato vedo che tante cose sono cambiate e che a Trieste non c'è nessuno... pensando comunque ho ancora due mesi davanti. Così via fino a oggi che penso ho ancora qualche decina di ore, poi quasi non ne avrò per 9 mesi.

ECCO IL TESTO DI COMAGNO DI SCUOLA DI ANTONELLO VENDITTI:

Compagno di scuola

Antonello Venditti

A. Venditti

(1975)

Davanti alla scuola tanta gente
otto e venti, prima campana
"e spegni quella sigaretta"
e migliaia di gambe e di occhiali
di corsa sulle scale.
Le otto e mezza tutti in piedi
il presidente, la croce e il professore
che ti legge sempre la stessa storia
sullo stesso libro, nello stesso modo,
con le stesse parole da quarant'anni di onesta professione.
Ma le domande non hanno mai avuto
una risposta chiara.
E la Divina Commedia, sempre più commedia
al punto che ancora oggi io non so
se Dante era un uomo libero, un fallito o un servo di partito.
Ma Paolo e Francesca, quelli io me li ricordo bene
perché, ditemi, chi non si è mai innamorato
di quella del primo banco,
la più carina, la più cretina,
cretino tu, che rideva sempre
proprio quando il tuo amore aveva le stesse parole,
gli stessi respiri del libro che leggevi di nascosto
sotto il banco.
Mezzogiorno, tutto scompare,
"avanti! tutti al bar".
Dove Nietsche e Marx si davano la mano
e parlavano insieme dell'ultima festa
e del vestito nuovo, fatto apposta
e sempre di quella ragazza che filava(->SCOPAVA<-) tutti (meno che te) e le assemblee e i cineforum i dibattiti mai concessi allora e le fughe vigliacche davanti al cancello e le botte nel cortile e nel corridoio, primi vagiti di un '68 ancora lungo da venire e troppo breve, da dimenticare! E il tuo impegno che cresceva sempre più forte in te... "Compagno di scuola, compagno di niente ti sei salvato dal fumo delle barricate? Compagno di scuola, compagno per niente ti sei salvato o sei entrato in banca pure tu?

1 comment

Ottavia 11 settembre 2007 01:31

Eh si ricomincia la scuola, vabbe dai sarà divertente apparte i compiti, i prof, il viale k forse sarà vietato ai minori d 17, etc.etc. Ciao OttAvia

Se ti é piaciuto il post perché non dare un voto a questo blog? If you liked this post why don't you vote for this blog?
 

Copyright © 2011 Geodetica | Powered by Blogger | Template by 54BLOGGER